La storia di Nanni

Il rock e il suo papà Nanni: “La malattia non deve circoscrivere l’essere umano, è il contrario. Noi dobbiamo circoscrivere la malattia. Attraverso le nostre passioni, una delle quali per me è il rock. Per noi che abbiamo queste montagne da scalare, il rock aiuta tutti i giorni a scalarne un altro pezzo”.

Così diceva Nanni Anselmi, editore e appassionato di musica rock, amico e sostenitore di NeMO, che ha scelto di imporsi davanti alla SLA, sin dall’inizio senza “cedere di un millimetro”.

Un’eredità quella di Nanni che continua insieme a Lavinia e a Jacopo, i suoi figli.

Per la festa del papà di NeMO, Lavinia ci ha fatto un regalo, condividendo con noi il ricordo di suo padre.

In sua memoria il 6 aprile 2017 il Centro Clinico di NeMO Milano ha inaugurato il “Clinical Research Center Nanni Anselmi”.

Un centro specializzato avente lo scopo di coordinare la ricerca all’interno del NeMO.

Il culmine di un'avventura incredibile per NeMO grazie a Slanciamoci (l'associazione fondata da Nanni), che in questi anni ha devoluto più di 300.000€ grazie alle feste rock.

La speranza del Centro è che, un giorno, chi si ritroverà a percorrere lo stesso cammino di Nanni possa finalmente avere la meglio nella lotta contro la bestia di nome SLA.

“Il rapporto con papà è sempre stato un rapporto di mutuo influenzarsi: come tanti papà nel momento della crescita dei propri figli, Nanni è stato un padre con la P Maiuscola. Poi però, crescendo, l’ascolto reciproco si è sempre più ampliato. Nella mia famiglia è sempre stato così dopottutto. Aiutare l’altro nel percorrere la sua strada, anche se questo significava a volte accettare la lontananza. Come figli abbiamo certamente ricevuto “la botta” della diagnosi di SLA, ma anche in senso positivo. Infatti Nanni ci ha dato la parte più bella nella sua lotta alla malattia, nonostante le difficoltà."

La storia di Nanni-1

“Papà ha sempre cercato di trovare nelle nostre parole quella connessione con se stesso. Lui si è rivisto in ciò che facevamo. Ed è stato reciproco. La sua influenza sul prossimo è stata sempre rispettosa delle vite altrui. Sia io che Jacopo eravamo  – e siamo ancora – in un momento di grande esplorazione di quello che saremmo dovuti diventare nella vita. E lui è stato il supporto su cui poggiare, criticando un giorno ma spronando l’altro. Questa è la cosa più bella che un genitore possa fare”.

A Nanni Anselmi è dedicato il  “Clinical Research Center” del Centro Clinico NeMO di Milano: a lui che si è preso cura del luogo che lo ha accolto, non poteva che essere dedicato uno spazio che rappresenta un’apertura e una tensione verso il futuro, raccogliendo la profonda determinazione verso il domani e il bene comune, che Nanni Anselmi era capace di trasferire a chiunque.

E dal grido di Nanni “tirati su facendo quello che ti piace!”, è nata la festa Rock “Slanciamoci” che ogni anno si ripete a sostegno di NeMO e per rinnovare il messaggio di risveglio di Nanni urlato con tutta l’energia del Rock, che per lui era linfa per la vita.

La storia di Nanni-2
Vedi anche
Per te papà è?
Per la festa del papà 2018 abbiamo deciso di sorprendervi con dei racconti pieni di bellezza e coraggio. Racconti di un quotidiano fatto di legami speciali ed avventure incredibili. Scopri le nostre storie per la festa del papà. Storie incredibili di papà coraggiosi e pieni di energia. Come la storia di Francesco, papà della piccola Leila, che porta il nome della stessa principessa di Star Wars, sua passione da sempre. Quest'anno per la festa del papà fai un dono speciale: sostieni il Centro Clinico NeMO con una piccola donazione.